Campobello di Licata - TOURING SICILY

Vai ai contenuti

Menu principale:

Campobello di Licata

Touring Agrigento > Vivere Agrigento > Provincia di Agrigento

Campobello di Licata



Campobello di Licata (Camubieddru in dialetto locale e Campubieddru o Campubeddru in siciliano) è un comune italiano di 9.925 abitanti[1] della provincia di Agrigento in Sicilia.

Territorio


Campobello di Licata è un comune collinare della provincia di Agrigento, situato su un altopiano della valle del fiume Salso a 316 m sul livello del mare. Il territorio, che ha un'estensione di circa 80 km², confina con Ravanusa, Naro e Licata; la popolazione residente è di circa 10.281 abitanti; dista dal capoluogo di provincia 51 km.
I suoi confini sono delimitati ad ovest dal torrente del Canale ad est dal torrente del Milici. Inoltre Campobello di Licata dista da Ravanusa solamente 4 km.


Storia
Campobello di Licata fu fondata come borgo feudale nel 1681 da Raimondo Raimondetta, Barone di Campobello, che pagò duecento onze per comprare, da Carlo VI d'Asburgo e Carlo II di Spagna la licentia populandi per il suo feudo.
Antecedentemente a tale data non si hanno notizie certe di nuclei di abitazione ma si conoscono i nomi dei baroni investiti dalla baronia di Campobello che non sembra avesse un vero e proprio centro abitato.
La costruzione di nuovi villaggi era già cominciata con l'immigrazione albanese nel XVI secolo che, come si può desumere dall'elenco dei nuovi comuni, fu di tali proporzioni da trasformare la campagna siciliana.
Il processo fu favorito anche dalla fuga delle popolazioni, dalla costa verso l'interno, a causa delle incursioni dei pirati, e dalle fattorie isolate verso i centri abitati, a causa del brigantaggio.
Il Barone Fondatore di qualsiasi centro urbano, e quindi anche quello di Campobello di Licata, era titolare dei Mero e Misto Imperio, espressione per noi oscura, ma che racchiude in sé l'esercizio di tutti i poteri politico, amministrativo, fiscale, militare, giudiziario.
La scelta del posto dove edificare fu facile. Esisteva nel feudo un poggio roccioso, con in cima una vasta spianata dove si trovava una masseria del feudo. Tale poggio era vicino a diverse copiose sorgenti d'acqua ed era attraversato da una diramazione della "Regia Trazzera" che passava ad oriente.
Il Barone provvide subito alla costruzione della chiesa e della Castellania: la chiesa, l'attuale chiesa madre, fu dedicata a san Giovanni Battista.
La facciata della chiesa guardava a ponente e costituisce in pratica il transetto dell'attuale. La Castellania era il complesso di costruzioni che servivano per i pubblici uffici e per la residenza del castellano, nominato dal Barone. Si trovava nell'attuale piazza XX Settembre e fu demolita all'inizio del Novecento. Le case e i terreni erano gravati da canoni enfiteutici la cui riscossione è durata fino a qualche decennio fa.

Il paese crebbe in fretta: dal 1690 al 1704 si celebrarono 32 matrimoni e già il censimento del 1710 registra 212 abitanti e 113 case.
Le abitazioni erano di tre tipi: i palazzi per i maggiori proprietari e "galantuomini"; i caseggiati di varie dimensioni per i "burgisi", piccoli e medi proprietari, con vasti spazi interni per gli attrezzi e i carri; infine le case dei nullatenenti, dei braccianti: una o due stanzette in cui vivere in condizioni precarie sia per la promiscuità che per l'igiene.
Buona parte dei primi abitanti erano coloni coltivatori con terre di proprietà che abbastanza velocemente si misero nelle condizioni di partecipare alle aste per la riscossione di dazi e gabelle, con conseguente accumulo di ricchezze ed il sorgere di grosse proprietà.
Nel 1734 il Barone concesse a Campobello, borgo feudale, di costituirsi Comune: gli abitanti assumevano l'onere delle spese dell'amministrazione: parroco, giurati, medico, colletta, ecc. L'atto di obbligazione fu firmato da 48 notabili.
Fu istituito il Decurionato, una specie di consiglio comunale che eleggeva il sindaco. I Decurioni rispondevano ancora al Barone, specialmente per la riscossione delle tasse e delle gabelle di cui erano direttamente responsabili.
Nel 1778, per volontà di Ferdinando IV, anche l'amministrazione della giustizia passa nelle mani dei Decurioni. I baroni non possono più agire contro i propri debitori ne costringere i coloni a coltivare le terre di loro proprietà. Fu una reale limitazione del potere dei Baroni che, prima di quella data, era assoluto. In tutta la Sicilia si chiusero le prigioni baronali, i famigerati dammusi.
Nel 1786 i campobellesi si riscattarono completamente dalla servitù feudale. Fu raccolta tra i cittadini, tra quelli che potevano, la somma di £. 13 onze e 10 tarì per pagare al Barone la reluizione dei mero e misto imperio.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu