Alessandria della Rocca . - TOURING SICILY

Vai ai contenuti

Menu principale:

Alessandria della Rocca .

Touring Agrigento > Vivere Agrigento > Provincia di Agrigento

Alessandria della Rocca


Alessandria della Rocca (IPA [aleˈsːandrja ˈdelːa ˈrɔkːa], Lisciànnira in siciliano) è un comune italiano di 2 906 abitanti[2] della provincia di Agrigento in Sicilia.
Inizialmente il paese fu chiamato Alessandria della Pietra; dal 1713 al 1862 il nome fu Alessandria di Sicilia; il 7 novembre 1862 assunse l'attuale denominazione.

Origini del nome

Il nome Alessandria della Rocca venne assegnato al paese con decreto reale del 7 novembre 1862: in precedenza, infatti, il Comune ebbe altri nomi. Il primo fu Alessandria della Pietra, nome dovuto all'antico proprietario del feudo, Alessandro Presti, e al vicino Castello della Pietra D'Amico, risalente al periodo saraceno. Nel 1713, nominato Re di Sicilia Vittorio Amedeo II, vennero istituiti i Municipi: il comune agrigentino assunse il nome di Alessandria di Sicilia, per essere distinta dai comuni omonimi presenti nei vari stati d'Italia. Infine nel 1862 assunse il nome che possiede tuttora: Alessandria della Rocca, in onore della Madonna della Rocca, patrona del paese.


Storia

Età moderna

Alessandria della Rocca venne fondata nel 1570, quando il feudo Presti Alessandro venne elevato a dignità di Comune sotto il titolo di Alessandria della Pietra: il primo signore fu Carlo Barresi, investitosi della baronia di Pietra D'Amico il 20 giugno 1568.

Architetture religiose

Chiese del passato
Chiesa della Pietà
Chiesa delle Alme Santa del Purgatorio
Chiesa di Santa Rosalia
Chiesa di San Marco
Chiesa di Sant'Anna
Chiese ancora presenti
Chiesa del Carmine (XVI-XVII secolo);
Chiesa Madre (XVII secolo);
Chiesa dell'Immacolata Concezione (XVII secolo);
Chiesa del Crocifisso (XVII secolo);
Chiesa di San Giovanni Battista (XVII secolo);
Chiesa del Convento dei Frati Minori Osservanti Riformati (XVII secolo);
Santuario della Madonna della Rocca (XVII secolo).
Il convento dei Carmelitani, annesso alla Chiesa del Carmine, è stato restaurato grazie all'intervento dell'amministrazione comunale presieduta dal sindaco Salvatore Mangione (2000). Oggi, all'interno del chiostro del convento, nel periodo estivo, si svolgono varie attività di interesse culturale.
Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]
Palazzo Genuardi-Inglese (XVI secolo)
Palazzo Guggino (XVII-XVIII secolo)
Palazzo Cordova
Palazzo Genuardi
Palazzo Inglese-Spoto
Palazzo Coniglio

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu